Tutti i tipi di legno più costosi al mondo

Gli esseri umani interagiscono con il legno da milioni di anni, e la più antica scultura realizzata con questo materiale risale a circa 12.000 anni fa. Chiamato l'idolo di Shigir, questo oggetto antico ci mostra la stretta relazione tra le persone e il legno nel corso dei secoli. Nella storia più recente il legno è stato utilizzato per costruire case, inclusa una a due piani risalente al XIII secolo che si trova ancora in Svizzera. Ora, il legno viene utilizzato per qualsiasi cosa dai mobili agli strumenti musicali, alle case, ai giocattoli e altro ancora. Il materiale tende ad essere abbastanza conveniente, ma ciò non ha impedito ad alcuni tipi di legno di diventare costosi, soprattutto perché si tratta di specie in via d'estinzione. In riferimento a quanto sin qui premesso, ecco una lista con sei tipi di legni più rari e costosi al mondo.

 

Il blackwood africano

 

Il legno noto con il nome comune di blackwood africano è molto raro e quindi il più costoso al mondo; infatti, il prezzo si aggira intorno agli 11.700 euro per metro quadrato. Il suo aspetto è nero, mentre il nome scientifico è Dalbergia Melanoxylon. Per quanto riguarda invece gli usi principali, il blackwood africano si presta per creare strumenti mistici e svariati tipi di oggetti ornamentali. Il costo decisamente alto è tuttavia legato anche ad un altro fattore e cioè all'eccessivo consumo da parte dell’uomo che lo sta portando all’estinzione.

 

Il palissandro brasiliano

 

Un altro legno che si attesta ai primi posti della graduatoria di quelli più costosi al mondo è il palissandro brasiliano dal nome scientifico Dalbergia Nigra. Il prezzo nello specifico si aggira intorno ai 280.00 euro per ogni 450 grammi circa, mentre il colore si presenta da marrone cioccolato a violaceo o bruno-rossastro. Gli usi più comuni prevedono l’impiallacciatura, la costruzione di mobili massello di gran pregio e di strumenti musicali. La Dalbergia Nigra tra l’altro è un albero che può crescere a 30 metri di altezza e quando viene tagliato emana un profumo simile a quello di una rosa.

 

L’ebano

 

Un altro tipo di legno che in una ipotetica classifica dei più costosi al mondo si attesta al terzo posto è l’ebano il cui nome scientifico è Diospyros Crassiflora. Il prezzo nello specifico è di circa 90 euro per ogni metro mentre il colore è nero. Per quanto riguarda gli usi più comuni, l’ebano si presta non solo per realizzare mobili (proprio per il costo elevato) ma anche per piccoli oggetti ornamentali. Esistono tuttavia diversi tipi di legno di ebano, ma quello africano è uno dei più rari e ciò è dovuto al fatto che negli ultimi anni la produzione è diminuita del 50% a causa dell’eccessivo sfruttamento.

 

L’avorio rosa

 

Un legno poco noto ma che rientra tra i primi quattro più costosi al mondo è il cosiddetto avorio rosa sudafricano il cui nome scientifico è Berchemia Zeyheri. Il prezzo è di 130 euro per ogni 450 grammi circa mentre il colore va dal rosso brunastro al rosa. Gli usi più comuni di questo legno prevedono intagli, stecche da biliardo e oggetti di design. La tonalità è tra l’altro proprio quella che fa lievitare il prezzo, anche se la scarsità gioca un ruolo decisivo in tal senso a causa delle rigide normative sulla raccolta.

 

Il sandalo

 

Il sandalo indiano il cui nome scientifico è Album Santalum rappresenta il quinto legno più costoso al mondo; infatti, il prezzo è di circa 90 Euro per ogni 450 grammi. Per quanto riguarda invece l’aspetto, va detto che si presenta con tonalità che vanno dal marrone chiaro a quello scuro fino al bianco. Gli utilizzi più comuni di questo legno sono per la creazione di oggetti ornamentali e intagli, anche se con le sue essenze si producono medicinali, profumi e cibo.

 

Lo ziricote

 

Il legno ziricote il cui nome scientifico è Cordia Dodecandra è il sesto al mondo che risulta essere tra i più costosi; infatti, il prezzo si aggira intorno ai 60 euro per ogni 450 grammi circa. Per quanto riguarda invece il colore, va detto che si presenta da marrone medio a scuro e si utilizza per costruire svariate tipologie di mobili di gran pregio. Il legno tra l'altro si ricava da un albero che si trova in America centrale e in Messico, e che a volte cresce fino a 18 metri di altezza. Quella che fa lievitare il prezzo è tuttavia la sua alta densità e che lo rende facile da lavorare, e soprattutto si rivela una scelta popolare per la costruzione di mobili e strumenti musicali.

About the author