Cosa vedere in Lombardia in tre giorni

La Lombardia è una realtà che non si propone unicamente come simbolo di modernità e di sviluppo, ma presenta una notevole quantità di bellezze naturali e artistiche. Quando si ha a disposizione un numero limitato di giorni per visitarla, però, può essere difficile fare una cernita.

 

In questo articolo abbiamo operato per voi una selezione dei luoghi migliori da visitare divisi in due proposte.

A voi rimane solo da scegliere quale incontra maggiormente il vostro gusto!

 

Cosa vedere a Milano 

 

 

Visitare Milano è l’occasione per godere, attraverso la visita dei numerosi musei, delle proposte dei pittori più noti nel panorama internazionale.

 

  • Primo giorno

Una visita di Milano che si rispetti deve includere il Duomo, simbolo della città nonché una delle chiese più grandi d'Europa.
Da Piazza del Duomo si può raggiungere la Galleria Vittorio Emanuele II; consiglio non casuale perché la galleria permetterà di raggiungere in breve tempo la Piazza della Scala. Qui, se siete appassionati di opere teatrali, vi consigliamo di informarvi per tempo sulle eventuali programmazioni, acquistando i biglietti in anticipo.
Se non doveste riuscire a recuperare i biglietti, un'alternativa per godere ugualmente della splendida arte presente a Milano è sfruttare il pomeriggio per visitare la Pinacoteca di Brera.
E' d'obbligo, infine, concludere la giornata ai Navigli, zona estremamente ricca di locali notturni.
 

  • Secondo giorno

Il secondo giorno a Milano inizia a Santa Maria delle Grazie.
Gli appassionati di arte probabilmente la conosceranno, considerato che è visibile proprio in quel luogo la celeberrima "Ultima cena" di Leonardo.
Il Parco Sempione sarà la successiva tappa: si tratta di un'importante area verde ricca di laghetti, monumenti e sculture.
Se la giornata lo consente potrebbe essere l'occasione per un piacevole pic-nic; in ogni caso comunque non mancano le alternative. Per concludere la giornata un'ottima idea è recarsi all'acquario.
 

  • Terzo giorno

Siccome il nostro tour è incentrato sulla splendida arte presente a Milano, la perfetta conclusione di questi tre giorni inizia nelle stanze del Castello Sforzesco, dove si trovano svariati musei come la Pinacoteca e il Museo Egizio, oltre a una libreria e a una biblioteca d'arte.

A Milano si trovano numerosi altri musei tra i quali scegliere, ciascuno facilmente raggiungibile grazie alla metropolitana e degno di una visita.
Abbiamo il Museo Bagatti Valsecchi, il Museo nazionale della scienza e della tecnologia Leonardo da Vinci, il Museo civico di storia naturale e il Museo del Risorgimento.
Qualora vi rimanesse ancora un po' di tempo, consigliamo come ultima attrazione il Planetario; è uno dei più grandi d'Italia e di sicuro non rimarrete delusi!

 

Cosa vedere a Bergamo

 

 

Città ricca di storia e di meravigliosi paesaggi, Bergamo è il luogo ideale per trascorrere del tempo lontano dallo stress immergendosi nella tranquillità della natura.

 

  • Primo giorno

La funicolare è un buon punto di partenza: non soltanto permette una splendida vista sulla città ma troverete anche da visitare il Museo palazzo Moroni, che vi farà conoscere specialità del passato bergamasco e della famiglia Moroni.
Una volta ridiscesi vi attende una passeggiata di 5 km sulla cinta muraria, patrimonio dell'umanità Unesco.
 

  • Secondo giorno

Rimanendo a Bergamo Alta consigliamo di iniziare la giornata al Museo Civico Archeologico, per poi proseguire con la casa Natale Donizetti.
La Basilica di Santa Maria Maggiore vi attende subito dopo; al suo interno è possibile visitare la tomba del celebre compositore Donizetti.
Immancabile è la visita del Duomo di Bergamo, dedicato al santo patrono della città e luogo di culto principale.
Concludiamo con un passo al "Campanone", la torre civica dalla quale potrete ammirare non soltanto Bergamo ma anche molti edifici principali della città.
 

  • Terzo giorno

L'ultima giornata a Bergamo inizia con la visita della Chiesa ed Ospedale della Maddalena; si tratta di un complesso di edifici risalenti alla metà del '300 nato come Chiesa ma successivamente collegato all'ospedale dato l'elevato numero, in quell'epoca, di persone bisognose di cura.
A pochi passi troviamo la Basilica di Sant'Alessandro in Colonna mentre per il pomeriggio consigliamo la visita di Palazzo Suardi e Palazzo Bonomi; potreste avere la possibilità di vedere alcune delle dimore ottocentesche più sfarzose d'Italia!
Infine salutiamo la città con un piccolo rito portafortuna: sfregare i testicoli del condottiero Bartolomeo Colleoni raffigurati sullo stemma presente sulla cancellata dell'omonima Cappella.
Un modo per lasciare Bergamo col sorriso e, magari, con un pizzico di fortuna in più!

About the author